coronavirus donare sangue

Alla luce delle nuove disposizioni del DPCM 8/3/2020 entrate in vigore per contenere il contagio da Coronavirus, il direttore del Centro Nazionale Sangue, Giancarlo Maria Liumbruno, ha diramato ieri una comunicazione in cui si raccomanda di non sospendere la raccolta del sangue e degli emocomponenti, presso le strutture ospedaliere pubbliche e presso le unità di raccolta associative, sull’intero territorio nazionale.

Con tale comunicazione viene revocata la sospensione temporanea di 14 giorni dei donatori che siano transitati o abbiano sostato dal 1/2/2020 nei Comuni interessati dalle misure urgenti di contenimento del contagio.

Riallacciandosi alla comunicazione del Presidente di Avis Nazionale, Francesco Pedrini, Presidente di Avis Provinciale Bologna, si rivolge direttamente ai donatori del suo territorio per esortarli alla donazione se in buona salute: «Le attività di donazione e raccolta del sangue e degli emocomponenti sono livelli essenziali di assistenza che garantiscono la continuità del supporto trasfusionale a oltre 1.800 pazienti al giorno sul territorio nazionale. Le persone che non presentano sintomi riconducibili al coronavirus sono considerate sane e quindi idonee alla donazione. Inoltre, ciascun donatore è tenuto a comunicare l’insorgere dei sintomi fino a 15 giorni dopo la donazione. Venite a donare, abbiamo bisogno di voi».

Consulta la news su Avis Nazionale > http://bit.ly/3cFpI7H